Logos e Nomos: il carattere della 'domanda preliminare'. Appunti a margine di una lettura friburghese