Sulla qualificazione degli enti pubblici conferenti nella c.d. legge Amato