Editoriale. La città plurale