La dirigenza pubblica fra Scilla e Cariddi salvata dalla Corte costituzionale?