L' Architetto globale e la pseudo-ideologia della contemporaneità