L’HOMO VIATOR TRA DOVERE ETICO E PRECETTISTICA DIVINA