"Est modus in rebus"?. Sulla totalità parziale della giustizia