La poesia che lascia la scena