Quando il malato è l’uomo occidentale e il medico si chiama Kierkegaard