L'articolo sostiene la tesi secondo cui nel conflitto tra poteri l'ingresso del terzo, anche nella veste di semplice amicus curiae, è configurabile solo a vantaggio di chi non può riverstire il ruolo di parte: soggetti privati o soggetti pubblici non rientranti tra i poteri dello Stato.Questi ultimi, infatti, sempre che lo considerino opportuno, possono sollevare in qualunque momento conflitto contro un altro potere che sia stato già convenuto in giudizio, sino alla conclusione del medesimo, stante la mancanza di indicazioni normative relative al termine entro il quale è possibile la presentazione del ricorso alla Corte costituzionale.

L’intervento di terzi nel conflitto tra poteri dello Stato

SALAZAR, Carmela Maria Giustina
1993

Abstract

L'articolo sostiene la tesi secondo cui nel conflitto tra poteri l'ingresso del terzo, anche nella veste di semplice amicus curiae, è configurabile solo a vantaggio di chi non può riverstire il ruolo di parte: soggetti privati o soggetti pubblici non rientranti tra i poteri dello Stato.Questi ultimi, infatti, sempre che lo considerino opportuno, possono sollevare in qualunque momento conflitto contro un altro potere che sia stato già convenuto in giudizio, sino alla conclusione del medesimo, stante la mancanza di indicazioni normative relative al termine entro il quale è possibile la presentazione del ricorso alla Corte costituzionale.
conflitto tra poteri; corte costituzionale; intervento in giudizio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/7923
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact