Jacomo Franchini e i taccuini della Biblioteca Comunale di Siena