La cittadinanza tra "sostanza", mercato e persona