Il Massimo di Palermo: il teatro della discordia