La proprietà dell'opera abusiva tra pluralità di statuto e contenuto minimo del diritto