Il Barocco a Cosenza. Giovanni Calieri “neapolitano”